ISCRIZIONI APERTE

Selvaggio Blu

Un trekking dedicato a chi vuole vivere una settimana nella natura incontaminata della costa orientale sarda:  lontani dalle comodità, si cena e si pernotta all’aperto o in rifugi naturali come grotte e  antichi ripari di pastori dalla caratteristica forma di pinetto. Ogni giorno ci si muove camminando immersi in un'incredibile natura fatta di roccia, macchia mediterranea, alberi secolari e panorami mozzafiato a picco sul mare... Il Sentiero Selvaggio Blu da noi proposto ripercorre l’itinerario originale, ideato e scoperto negli anni 80 da Mario Verin e Peppino Cicalò concatenando una lunga serie di sentieri e passaggi di pastori e carbonai: un lungo percorso che in cinque giorni di cammino e pernottamenti alla "belle étoile" permette di unire Santa Maria navarrese a Cala Sisine. Seguiamo con cura il percorso originale -  inclusi i passaggi più impressionanti e suggestivi - pur di mantenere la  tipicità del percorso e di non privarci della sensazione di aver vissuto una autentica esperienza di vita selvaggia... Grazie ad un'accurata organizzazione logistica possiamo permetterci di viaggiare leggeri, con nello zaino solo acqua, qualcosa da mangiare lungo il cammino e l'indispensabile macchina fotografica: i momenti da immortalare sono infiniti, cambiano ad ogni svolta del sentiero che si inoltra tra la macchia, le rocce e il mare!

Partenza

  •   02 - 06 ottobre 2024

Programma di viaggio

1° giorno: ritrovo la mattina alle ore 9:00 nel piccolo porto di S. Maria Navarrese e partenza per il trekking; seguendo un comodo sentiero raggiungiamo in circa 1 ora e 30 minuti Pedra Longa, la spettacolare baia dominata dalla omonima guglia rocciosa. Di qui il sentiero prosegue verso la parete di Punta Giradili, la si supera tramite la spettacolare cengia e si raggiungono gli altipiani del Supramonte di Baunei e l'Ovile abbandonato di Su Idileddu, attualmente trasformato in bivacco parzialmente attrezzato; accampamento, cena e pernottamento.

2° giorno: partendo dagli altipiani del Ginnirco - situati alle quote più alte dell'intero itinerario - ci si dirige verso il mare, percorrendo il bordo di falesie alte fino a 300 metri; gradualmente si scende, superando Bacu (gola) Tenadili grazie a provvidenziali “scale fustas” e si raggiunge dopo una simpatica arrampicata la piccola e incassata spiaggia di Portu Pedrosus. Bivacco e cena alla “belle étoile” tra gli alberi appena all'interno della caletta. In alternativa (utile soprattutto in caso di pioggia) si prosegue ancora una mezz'ora per raggiungere una confortevole grotta dal fondo pavimentato col legname derivante da un antico naufragio di un natante nella sottostante cala di Portu Cuau.

3° giorno: dalla splendida insenatura di Portu Cuau si prosegue lungo la macchia mediterranea risalendo i versanti meridionali di Punta Salinas, tra le cui rocce sommitali si trovano incassati spettacolari e antichi ovili in pietra e legno. Da qui il panorama sulla sottostante e ormai vicina Aguglia Goloritze è davvero mozzafiato! Scesi nella codula Goloritzè per comodo sentiero si raggiunge la stupenda spiaggia ai piedi dell'Aguglia. Dalla spiaggia  - dopo il meritato bagno e relax ai piedi della impressionante Punta Caroddi si risale in poco più di mezz'ora in cima alla codula, dove si cena e pernotta in campeggio.

4° giorno: ridiscesi brevemente verso Cala Goloritze si risale l'angusta Boladina, uno dei passaggi chiave del Selvaggio Blu; superati i ripidi risalti rocciosi grazie ad alcune spettacolari scale de fustas si riprende il sentiero in direzione della Serra Lattone, lungo la quale gli omonimi stupendi ovili offrono panorami spettacolari e unici fino alla discesa in corda doppia che conduce al Bacu Mudaloru caratterizzato da una grande grotta in cui riecheggia il rumore del mare. Insenatura tranquilla e piacevole, perfetto luogo per cena e bivacco.

5° giorno: Un oretta di cammino per "scaldare i motori" e si raggiunge la Grotta 5 Stelle. Una bella corda doppia subito sotto la grotta dà accesso ad alcune esposte cenge che, alternando brevi passaggi di arrampicata e brevi calate in corda, portano a Bacu Padente. Risalita questa gola incassata che precipita sul mare, raggiungiamo gli altipiani di Ololbissi dai quali si raggiunge il passaggio "segreto" di Sa Nurca (la Tana), stretto canyon nascosto dietro un'enorme scaglia rocciosa. Alcune doppie spettacolari danno accesso ai grandi boschi di Biriala e Oronnoro, poi ancora brevi arrampicate, altre due discese in corda ed ecco dopo una bella giornatona di trekking la ormai tanto attesa Cala Sisine!

Il Selvaggio Blu originale finisce qui, con rincorsa e bagno finale nello splendido mare! Tra poco arriverà il gommone che, costeggiando a lungo le scogliere percorse nei giorni precedenti ci farà render meglio conto del percorso effettuato, della sua lunghezza e dell'asprezza di queste scogliere a picco sul mare. Rientro al porto di Santa Maria Navarrese e cena finale a base di prodotti tipici.

Fa per me?

Avventura

Impegno

Panorami

Fattore viaggio

Gastronomia

Cultura e folklore

LEGENDA: basate sulla nostra personale esperienza, le valutazioni danno un valore soggettivo, misurato e molto attendibile degli elementi che compongono l’esperienza di viaggio.

Altre informazioni

Durata

5 giorni / 4 notti

Partenza garantita

Minimo 6 partecipanti

Documenti

carta identità

Selvaggio Blu

La tariffa include

  • accompagnamento e organizzazione da parte di una guida alpina
  • logistica bagagli e rifornimento viveri
  • su richiesta possiamo prenotare soggiorno in appartamento servizio b&b a S. Maria Navarrese la sera precedente la partenza e la sera di fine trekking, oltre all'eventuale viaggio per raggiungere la Sardegna.

Prezzo per persona

da € 1250

Acconto di € 375

Iscriviti

Richiedi altre informazioni

    Acconsento all’utilizzo dei miei dati personali secondo quanto stabilito dalla Privacy Policy

    Altre destinazioni

    ARGENTERA Trekking Tour
    ISCRIZIONI APERTE
    Sport

    ARGENTERA Trekking Tour edizione speciale UNDER 20

    Tour intorno alla regina delle Alpi Marittime, l’Argentera 3297m, vetta nel cuore della Valle Gesso, all’interno del Parco Naturale delle Alpi Marittime. Sarà un'edizione speciale dedicata ai giovani: un'occasione unica d'incontro tra coetanei, un'esperienza indimenticabile che li accompagnerà nella loro crescita. Attraverseremo ambienti naturali integri e bellissimi, dal fascino selvaggio, imparando a conoscere e a osservare a fauna locale. Si camminerà su comodi sentieri e mulattiere militari, immersi in un paesaggio mozzafiato fatto di limpidi laghi alpini, creste e pareti rocciose punteggiate di nevai. Le luci dell'alba e del tramonto ci faranno compagnia lungo questo trekking alla scoperta di montagne maestose, dove natura e storia si incontrano. Pace e silenzi garantiti! Altra partenza: 23/26 luglio
    Scopri
    Foot&car alla  SCOPERTA DELLA SELVAGGIA ISLANDA
    1° GRUPPO COMPLETO Prossima partenza 01/09
    Sport

    Trekking alla scoperta dell’Islanda: terra di ghiaccio e di fuoco

    Siete pronti per un'esperienza unica e indimenticabile nell'incantevole Islanda? Il nostro trekking in Islanda è un'opportunità straordinaria per immergersi nella maestosità e nella bellezza naturale di questo affascinante paese nordico. Guidati dalle nostre esperte guide, esploreremo alcune delle zone più spettacolari e remote dell'Islanda, attraversando paesaggi mozzafiato, vulcani attivi, ghiacciai imponenti e sorgenti termali rilassanti.
    Scopri
    La Barolo Sanremo: un viaggio di scoperta in bicicletta!
    ISCRIZIONI APERTE
    Sport

    La Barolo Sanremo bike: il viaggio che non ti aspetti!

    La Barolo Sanremo non è un itinerario: è un viaggio in bicicletta! Studiato con cura alterna strade sterrate a quelle asfaltate, sempre lontane dal traffico. Lentamente vi condurrà alla scoperta della vera essenza di questo territorio sorprendente che in poco più di 270 km racchiude Langhe, Alpi e Mare in un alternarsi di paesaggi naturali estremamente diversificati, poco conosciuti e di rara bellezza. Suddiviso in 4 tappe unisce le Langhe alla riviera ligure di ponente, rivelando scorci alpini ed angoli selvaggi alla velocità giusta, quella della filosofia gravel, del bike packing e della bicicletta. Si partirà da Barolo per arrivare fino a Sanremo con un mezzo di assistenza al seguito, facendo tappa ogni sera in strutture selezionate con servizio di mezza pensione, alternando momenti di pedalata a spazi di visita delle principali emergenze storico artistiche culturali: la medievale Cappella di San Fiorenzo a Bastia, il Santuario di Vicoforte, il Castello di Casotto e la stagionatura dei formaggio di Beppino Occelli. Arrivati a Sanremo si farà rientro con una navetta a Barolo dove si concluderà il percorso. Sarà un vero viaggio di scoperta!
    Scopri